Cinzia Pennati, Letteratura italiana, storie e racconti

Storie di donne che si salvano da sole: “Il matrimonio di mia sorella”

lettura

Questa mattina, di fronte alla mia Mug preferita riempita fino all’orlo di caffelatte, spiluccando una brioche, ho terminato “Il matrimonio di mia sorella” di Cinzia Pennati. Da quando ho una famiglia e una casa di cui occuparmi, le cose funzionano così: mi sveglio alle 6.30, preparo la colazione per il gatto e per me e poi, abbracciata ad una coperta di pile soffice e calda, mi siedo sul divano di fronte alla stufa e comincio a leggere. E’ la mia mezz’ora di felicità, e pazienza se la rubo al sonno. Con la convivenza ho scoperto come le prime luci dell’alba siano quelle che si conciliano meglio con la frenesia delle mie giornate: la casa è avvolta nel torpore, la mia presenza non è ancora richiesta da nessuno e l’unico rumore di sottofondo è il ticchettio del pellet che rimbalza nel bracere, dove scoppietta la fiamma. Charlie miagola, chiede di entrare e uscire dal terrazzo ennemila volte, ma la sua presenza mi rilassa. Questo è uno di quei romanzi che, se non fosse stato per l’insistenza di un’amica e per l’incontro con l’autrice, probabilmente non avrei mai letto. Il titolo e la copertina mi avevano allontanata, perchè suggerivano l’idea di un romanzo troppo rosa per i miei gusti, che di romantico non hanno davvero nulla. Non mi piacciono le storie zuccherose, detesto le banalità amorose fini a sè stesse, per non parlare dei matrimoni! Orticaria allo stato puro. Avevo letto la sinossi, ma probabilmente già fuorviata dall’idea che avevo in testa decisi che no, non avrei letto una storia di donne che si azzuffano tra di loro per poi ritrovare se stesse; donne che ad un certo punto delle loro vite ingaggiano battaglie epocali ma che alla fine fanno pace col mondo, fanno pace con l’amore e tornano a spadellare felici e contente. Il matrimonio come chiusa perfetta? Anche no!

1ad32adc3b31759e51941c9dfe1eadab

Invece stavo commettendo un errore madornale. Da quando mi sono iscritta al gruppo di lettura della libraia Nadia stanno accadendo cose bellissime, come in una sorta di reazione a catena. L’incontro con Cinzia Pennati è stato una di queste: quasi per caso ho deciso di partecipare alla presentazione che Nadia avrebbe fatto di questo libro, come se avessi avuto un presagio, un sentore. Non credo in tante cose, ma sono fermamente convinta che tutto accada per una ragione e che, quando decidiamo di aprirci al nuovo, mettiamo in moto un meccanismo inarrestabile di possibilità. Ascoltavo l’autrice che parlava delle protagoniste del suo romanzo, spiegando l’essenza del suo parto cartaceo, e mi sono sentita profondamente coinvolta dalle sue parole, dalla storia di Agnese, Celeste, Ines, Norma, Fiamma e Rosa, al punto che quando ho iniziato a leggere i pensieri di Agnese, la protagonista principale, ho fatto fatica a credere che appartenessero ad un personaggio inventato e non a me. Fin dalle prime pagine veniamo catapultate nella vita di questa donna in bilico, una funambola quarantenne che cerca di non perdere l’equilibrio precario delle sue giornate, percorrendo distanze siderali con la stessa incertezza e la stessa paura di chi cammina sospeso nel vuoto.

 

 

donna_al_mare_penombra1

Ma chi sono queste donne? Agnese e Celeste sono sorelle, Ines è la loro madre, Norma la nonna, Fiamma la cugina e Rosa la prozia. Un albero genealogico tutto al femminile, i cui legami sono un filo sottilissimo che si spezza e si ricuce continuamente , in una girandola di affetti maltrattati, di recriminazioni, di incomprensioni, di segreti che nutrono ostilità e rancore. Tutto il romanzo si completa in un solo giorno, quello del matrimonio di Celeste. Sarà un matrimonio da favola, romantico, perfetto. Celeste sarà bellissima nel suo abito da principessa sexy, con una cascata di strass ad incorniciarle il corpo sinuoso. Il giorno più bello della suo vita, perchè per ogni donna il matrimonio lo è. O forse no. Già, perché niente è come sembra e l’autrice ce lo ricorda ad ogni pagina, ad ogni nuova protagonista che ci presenta. I membri di una famiglia si ritrovano al gran completo solo in due occasioni: ai matrimoni e ai funerali. I legami di sangue implicano dei doveri a cui non possiamo sottrarci, anche se al solo pensiero dei nostri parenti in riunione plenaria vorremmo fuggire a gambe levate. Eventi come questi mettono dei punti fermi, rappresentano l’inizio di una nuova vita e la sua fine e pertanto ci invitano a fare i conti anche con le nostre, di esistenze. Quelli come noi si ritrovano a fumare in un angolo stilando bilanci immaginari, il più delle volte disastrosi. Siamo costretti a condividere giorni interi con chi non avremmo mai scelto liberamente, i lacci che ci legano l’uno all’altro si accorciano e ci rimbalzano addosso come elastici, più sono lontani e più sono tesi e basta un minimo movimento per farli saltare in aria. Chiedetelo ad Agnese, che mentre raggiunge casa dei suoi genitori per i preparativi della sorella non fa altro che pensare al disamore che da tempo nutre per un marito che non è mai stato suo complice, frizzando di piacere per un caffè rubato e qualche sms scambiato con un collega. Agnese che ha due bambine piccole che ama profondamente, da cui però a volte vorrebbe fuggire lontano, in un luogo disabitato dai figli, sentendosi per questo pessima. Agnese che con sua madre Ines ha un rapporto conflittuale, perchè sono come ogni madre ed ogni figlia: diverse, appartenenti a mondi paralleli, che non si potranno mai sovrapporre l’una all’altra, ma che potrebbero imparare a godersi l’ombra reciproca e a camminare fianco a fianco. Anche Ines in fondo sa bene cosa si prova ad essere una figlia che agli occhi della propria madre non combina mai nulla di buono: Norma, sua madre, la nonna di Celeste ed Agnese, la critica costantemente anche adesso che ha più di 60 anni ed è nonna a sua volta. Ines e Norma rappresentano la parte irrazionale di ogni madre, quella parte che fa a cazzotti con noi figlie, perchè non siamo e non saremo mai come ci immaginavano quando abitavamo nei loro grembi, e ancor prima nei loro pensieri. Volevano una piccola sè stessa, una bimba a cui  affidare la realizzazione dei loro sogni incompiuti, a cui regalare bambole e vestitini rosa… e invece si sono ritrovate ad allevare individui di cui non conoscevano i meccanismi. Che fregatura! Siamo state tutte quante figlie di questa fregatura, suppongo. La differenza è che poi, dopo tante battaglie, le cose si aggiustano: veniamo accettate per le figlie che siamo, ed impariamo ad amare le madri che abbiamo. Norma ha dovuto aspettare 80 anni e rivelare il suo segreto per fare pace con sè stessa e con la figlia, Ines ha dovuto scontrarsi con la fallibilità della figlia perfetta, Celeste, che qualche ora prima del matrimonio si rompe in mille pezzi come una bambola di cristallo. Fiamma vive all’estero da qualche anno, non parla più con sua sorella e non sopporta i suoi genitori, che vivono una vita coniugale frutto di compromessi per lei inaccettabili. Tornerà a Genova per fare da testimone alla cugina, con un bagaglio di confusione e di segreti. Anche lei.

cinque-generazioni

Infine c’è la zia Rosa. Meno male che c’è lei! Rosa, 80 anni suonati da un pezzo, non si è mai sposata e non ha mai avuto figli. Eppure è quella che più di tutte dispensa amore e tenerezza, forza ed equilibrio. Conosce le sue nipoti più di chiunque altro, perché è l’unica a cui loro si sono sempre potute affidare senza la paura di essere giudicate. Rosa sa capire, accetta le donne della sua famiglia per quello che sono, è la parte migliore di ogni madre e di ogni nonna, la parte più saggia, quella scevra da ostilità. E non importa se non ha mai partorito figli suoi, se non ha mai accudito nipoti sangue del suo sangue: Rosa sa amare, e sa amare perchè prima di tutto desidera. Desidera la felicità per se stessa, non la vuole ottenere attraverso le vite altrui. L’ha conosciuta e sa riconoscerla anche ora che è vecchia e fragile, così come sa riconoscere il dolore quando è tanto profondo da uccidere dentro. Chi se ne importa se oramai ha ottant’anni! L’ormai non esiste, il presente è l’unica possibilità. “Non accontentatevi di una vita tiepida” dice Rosa alle sue nipoti, di fronte ad una bottiglia di sherry che ha sciolto i segreti di ognuna.

Andate in libreria e comprate il libro di Cinzia Pennati, perchè è uno di quei romanzi che prende la pancia e ti resta dentro. Leggetelo ma non aspettatevi il classico lieto fine, perché dubbi, paure ed incertezze accompagneranno le protagoniste fino all’ultima pagina. Non è questo il messaggio, non è un romanzo del tipo “E vissero tutti felici e contenti”. Quello ce lo insegnano Cenerentola e le sue amiche, ed è una sola pazzesca. Questo romanzo è terapeutico, ed è quella la sua forza. Parla di donne vere, imperfette, incomplete, incasinate, donne che sbagliano come madri, come figlie, come compagne. Donne che non si piacciono mai, a parte quando azzeccano il vestito giusto. Donne che accudiscono, ma che al tempo stesso vorrebbero teletrasportarsi su un’isola deserta, sgombra da mariti, figli e madri. Donne che vorrebbero strapparsi di dosso l’etichetta con cui la società le cataloga fin da quando sono nate, fare a pezzi i clichè e dare spazio ai propri desideri, inventandosi il tempo anche quando di tempo per sè non ce n’è mai.

saggio-breve-amicizia

E vissero tutti felici e contenti perché impararono a desiderare”.

Questo è il finale perfetto, quello giusto per ogni esistenza.

 

Il matrimonio di mia sorella, Cinzia Pennati (Giunti)

51VlHnMayYL._SX325_BO1,204,203,200_

5 pensieri riguardo “Storie di donne che si salvano da sole: “Il matrimonio di mia sorella””

  1. Cara Vitty, credo proprio che le donne che si alzano prima al mattino per godersi mezz’ora di pace siano un esercito…sono sempre stata una dormigliona ma da qualche anno a questa parte sto apprezzando la bellezza di alzarsi presto, per godermi pace e tranquillità. Anche la protagonista del libro sta messa come noi, sarà per questo che mi è risultata così simpatica!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...